Maitake: un fungo “Meraviglioso”

Tempo per la lettura: 2 minuti

Foto 1

In Giappone e in Cina, i funghi “Maitake” sono da consumati da 3.000 anni. Erano venduti a prezzi molto alti a causa delle loro proprietà medicamentose leggendarie.

In tempi moderni, il Maitake è primariamente coltivato perché diventato, salvo in alcuni casi, raro in “natura”.

Oggi si trova facilmente in Europa ed anche negli Stati Uniti.

Il nome scientifico Maitake ovvero Grifola frondosa, deriva da un nome di funghi italiani nonché da una animale mitologico mezzo leone e mezza aquila.

Cresce ai piedi degli alberi di quercia e può raggiungere i 50 cm di diametro di base. Una famiglia può pesare fino a 45 kg. Il fungo ha un aspetto ondulato e floreale simile ad una nuvola di farfalle, e da questo trae spunto il suo secondo nome “ dancing mushroom – fungo da ballo”[1].

Nelle medicine antiche era utilizzato per la sua azione antivirale e per curare il diabete, l’alta pressione sanguigna, il colesterolo e l’obesità.

Le proprietà “miracolose”, il maitake lo deve alla presenza dei betaglucani[2] che sostengono le difese dell’organismo rinforzandolo: stimolano l’attività di particolari globuli bianchi, quali macrofagi, linfociti T e cellule NK (natural killer), potenziando la risposta immunitaria.

Foto 2

Il Maitake è stato studiato anche per il trattamento del cancro per la sua capacità di stimolare il sistema immunitario.

Ulteriori approfondimenti sono stati correlati alle terapie anti HIV è stato anche testato nell’ipertensione e nelle terapie HIV.

E’ usato in vari ambiti, come ad esempio:

  • Nell’ipertensione: in una ricerca, 11 pazienti con ipertensione essenziale documentata hanno preso 500 mg di compresse di funghi di maitake due volte al giorno. Si è registrata una diminuzione media della pressione arteriosa diastolica di circa 8 mm Hg e una diminuzione media della pressione sanguigna sistolica di circa 14 mm Hg.[3]
  • Nell’Obesità: in uno studio osservazionale, 30 pazienti hanno perso tra i 3 e i 12 kg dopo la somministrazione di 20-500 mg di polvere di maitake compressa al giorno per 2 mesi[4].
  • Nella Sindrome Metabolica e di riduzione della glicemia[5].

Se si è allergici ai funghi, si raccomanda la massima attenzione nell’utilizzo, e comunque, in qualsiasi caso, chiedere un parere al proprio medico curante.

 

[1] 1. Mayell M . Maitake extracts and their therapeutic potential . Altern Med Rev . 2001;6:48-60.

[2] beta-glucani) sono i maggiori componenti della frazione solubile della fibra alimentare e come tali nel nostro organismo danno luogo una serie di effetti benefici. (Wikipedia).

[3] Fonte: drugs.com – Gerson S . (Director of the Foundation for Holistic Medical Research in NYC). 1994 (unpublished).

[4] Fonte: drugs.com Yokota M . Observatory trial at anti-obesity activity of maitake mushrooms ( Grifola frondosa ) [in Japanese]. Anshin . 1992:202-204.

[5] Fonte: drugs.com Kabir Y , Yamaguchi M , Kimura S . Effect on shiitake ( Lentius edodes ) and maitake ( Grifola frondosa ) mushrooms on blood pressure and plasma lipids of spontaneously hypertensive rats . J Nutr Sci Vitaminol . 1987;33:341-346.

 

photo credit 1: monikahschuschu <a href=”http://www.flickr.com/photos/148592215@N05/36577473344″>Maitake mushroom, aka Hen of the Wood (tentative ID)</a> via <a href=”http://photopin.com”>photopin</a> <a href=”https://creativecommons.org/licenses/by-nc/2.0/”>(license)</a>

photo credit 2: Lukas Large <a href=”http://www.flickr.com/photos/99278910@N00/29381622514″>Grifola frondosa</a> via <a href=”http://photopin.com”>photopin</a> <a href=”https://creativecommons.org/licenses/by-nc-sa/2.0/”>(license)</a>

Potrebbero interessarti anche...