Miti e Leggende 34 sapete che la Damiana

Tempo per la lettura: 2 minuti

Turnera diffusa var. aphrodisiaca 002
La Damiana, la Pianta dell’Amore della Dea Arzulie.

La Turnera diffusa aphrodisiaca, questo il nome della damiana, è un piccolo arbusto dai fiori gialli, originaria del Centro e Sud America (Messico in particolare) che può raggiungere anche un’altezza di 2 metri.

Le prime informazioni sulla damiana ci pervengono dai Maya che la utilizzavano per le sue proprietà contro le vertigini. È stato brevettato come rimedio nell’800 per le sue capacità di accrescere la libido.[1]

Non a caso, storicamente in America ed Inghilterra veniva pubblicizzata come potente afrodisiaco per entrambi i sessi.

Le parti utilizzate: fiori essiccati, tisane, estratto secco e tintura madre.

Proprietà: bisogna ringraziare la composizione chimica, tra l’altro molto complessa, contiente la damianina e oli volatili all’interno per l’azione officinale. Storicamente, l’uso tradizionale le attribuiscono proprietà afrodisiache, antidepressive e tonico-stimolanti. I Maya la utilizzavano anche come blando lassativo.

Impieghi: per la stanchezza, per calmare l’ansia [2],  per sostenere la “tonicità” sessuale[3] e alleviare l’insonnia.

Controindicazioni: non sono state identificate controindicazioni ma per scrupolo si sconsiglia l’uso in gravidanza, allattamento e in presenza di problematiche diabetiche. Evitare il dosaggio elevato per rischio di tossicità.[4]

Curiosità: un certo missionario spagnolo, Juan Maria de Salvatierra, riferì che gli indios messicani utilizzavano la damiana come pozione d’amore.  E’  inserita nel formulario nazionale degli Stati Uniti, come afrodisiaco e come rimedio per l’impotenza e la frigidità.

[1] Tyler VE. Damiana: History of an Herbal Hoax. Pharmacy in History . 1983;25(2):55.

[2] Kumar, S., et al. “Estimation of Apigenin, an Anxiolytic Constituent, in Turnera aphrodisiaca.” Indian J Pharm Sci. 2008 Nov;70(6):847-51.

[3] “ Utilizzata come stimolante delle funzioni sessuali, della libido e delle prestazioni sessuali” (F. Firenzuoli, Le 100 erbe della salute, Milano 2003).

[4] Newall CA, Anderson LA, Phillipson JD EDS. Herbal Medicines: A Guide for Health-Care Professionals . London: Pharmaceutical Press; 1996.

Foto/Pic from Di H. Zell [GFDL (http://www.gnu.org/copyleft/fdl.html) o CC BY-SA 3.0 (https://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0)], da Wikimedia Commons – https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/0/0a/Turnera_diffusa_var._aphrodisiaca_002.JPG

Potrebbero interessarti anche...