Per i malanni di stagione: l’Acerola, cassaforte di vitamica C.

Tempo per la lettura: 2 minuti

In autunno e in particolar modo a novembre, le sindromi da raffreddamento e quelle influenzali sono sempre più insistenti. Diventa importante avere un sistema immunitario forte e reattivo. Potrebbe essere utilissimo il frutto dell’acerola con le sue proprietà e con il suo carico di vitamina C.

Non a caso l’acerola è un’ottima miniera di questa vitamina.

L’acerola (Malpighia glabra) è originaria del Brasile ma sostanzialmente cresce spontanea in America Centrale, in Texas e in Florida. È chiamata anche ciliegia delle Barbados o ciliegia portoricana. Il frutto di Acerola è un frutto rosso brillante, molto succoso, simile alla ciliegia.

Tradizionalmente, i frutti sono stati usati per trattare dissenteria, diarrea e disturbi del fegato.

A causa della sua alta concentrazione di vitamina C, è oggi venduto come integratore naturale con proprietà immunostimolante e antiage (antiossidante).

L’Acerola fornisce altre vitamine e minerali utili: contiene da 1 a 4,5% di vitamina C (da 1.000 a 4.500 mg / 100 g) nella porzione commestibile del frutto. Questo valore supera di gran lunga il contenuto di vitamina C in arance sbucciate (circa 0,05 o 50 mg / 100 g).[1]

Il contenuto di vitamina C nell’acerola varia in base alla maturazione (il più alto nel verde e il più basso nel frutto completamente maturo). Inoltre varia con la stagione e il clima.

Questa frutto contiene anche la vitamina A, la tiamina, la niacina, il calcio, il ferro, fosforo e magnesio.

Perché la vitamina C è importante? La vitamina C rafforza il sistema immunitario e sostiene la costruzione delle cellule di collagene. La vitamina C è nota per essere un antiossidante efficace. In un altro studio, è stato dimostrato che l’estratto di acerola potenzia l’attività antiossidante [2]degli estratti di soia e erba medica, agendo sinergicamente e può essere utile nella malattia coronarica.

Controindicazioni: le controindicazioni non sono state ancora identificate;

Gravidanza / Allattamento: mancano informazioni sulla sicurezza e l’efficacia in gravidanza e allattamento;

Effetti collaterali[3]: grandi dosi possono causare disturbi GI. Il dosaggio prolungato e massiccio può predisporre alla formazione di calcoli.

Tossicologia: La vitamina C è facilmente escreta dal corpo e non è tipicamente associata alla tossicità.

Fonte:

[1] Acerola. Review of Natural Products. factsandcomparisons4.0 [online]. 2005. Available from Wolters Kluwer Health, Inc. Accessed April 16, 2007. – https://www.drugs.com/npc/acerola.html

[2] http://nattrop.com/gated/acerola.html

[3] Leung AY, Foster S. Encyclopedia of Common Natural Ingredients Used in Food, Drugs, and Cosmetics . 2nd ed. New York, NY: J. Wiley and Sons; 1996:6-7.

foto/photos from www.pixabay.com

Potrebbero interessarti anche...

No announcement available or all announcement expired.